Easy Translate

sabato 6 gennaio 2018

In cosa credo?



Ispirata dalla mitica Spora, vi lascio il mio post auto motivazionale per il nuovo anno, con giorni di ritardo ma tanta convinzione!
Pronti?! Eccolo qui:

Credo nella unione delle donne, nel lavoro di squadra nonostante i fusi, nelle amicizie che nascono via web senza essersi mai viste dal vivo. Le famose donne  expat che tanto fanno e tanto dicono ma nessuno gli fa un monumento. Ci credo perché ho le mie Amiche di fuso.

Credo ancora di più nella unione delle donne, donne che fanno  team e fanno un lavoro eccellente. Ci credo perché ho le mie amiche di Not only mama.
Credo nel potere catartico dei viaggi. Da soli, in famiglia o con gli amici. Un viaggio sono sempre soldi ben spesi!
Credo nei viaggi fatti con i libri. Amo leggere, è un hobby e una passione che ho da quando ho memoria. Sono capace di non dormire per leggere un libro. Le mie occhiaie ringraziano.
Credo che il buon cibo e e il buon vino siano diritti sacrosanti per l’umanità. Nessuno dovrebbe esserne privato.
Credo nelle mie radici sarde, nella storia ancestrale della mia terra che profuma di Mediterraneo e natura incontaminata.
Credo nel potere terapeutico di un abbraccio.
Credo che guardare e respirare mare sia la cosa più rilassante del mondo.
Credo che inseguire i propri sogni sia fondamentale per il nostro bene e quello di tutti coloro che ci stanno intorno.
Credo che con un paio di tacchi posso sollevare il mondo (semicit) .

Quale è il vostro credo?

Raccontatemi . E buon anno nuovo!

giovedì 5 ottobre 2017

Il Peru aumenta la autostima



Oh ma tanto eh! Già che qui come vi ho detto sono alta e magra per la media vi fa capire quanto felice mi sveglio la mattina!

Ma oggi il culmine!

Vado nel mio salone di bellezza preferito EVER (capirete presto perchè) e vengo accolta come al solito da saluti e richieste : cosa le offriamo da bere, si accomodi e bla bla bla.
Nel frattempo che aspetto, si avvicina la ragazza che mi aveva servito qualche giorno fa e mi dice:

"Come sta la sua bella sorellina?"
Io nel frattempo penso a come diavolo faccia questa a ricordarsi di mia sorella (bella poi ma dove! ahahah scherzo Sis TVB), venuta a trovarmi a Lima ben due anni fa.
"Mah, bene! Fa cose, vede ggente..."
"Era felice del suo taglio di capelli?!"

giovedì 10 agosto 2017

Crackers di quinoa - ricette dal Peru

Questi li ha fatti la mia amica Vale che lei è più artistica di me :)

Nelle mie fantastiche vacanze in Sardegna (peggio per voi se non mi seguite nei social tipo Instagram e Feisbuck e vi siete persi le mie foto), mi sono sentita chiedere spesso: ma perché non posti qualche ricetta tipica del posto dove vivi?!
La risposta può essere: perché sono una schiappa in cucina.
O anche: perché io mangio che me frega delle ricette.
E anche: ma ti sembro una fudbloggher?!

E invece siccome sono una brava persona ho pensato che è davvero una buona idea darvi qualche ricettina facile che mica sono Carlo Cracco, così mentre mangiate mi pensate e dite ai vostri amici di mettere like alle mie pagine. Siamo d'accordo?!

venerdì 7 luglio 2017

Non tutti gli avocado sono buoni



Lo so che il titolo sembra una bestemmia. Lasciate che vi spieghi.

Qua a Lima ho scoperto che esitono così tanti tipi di palta (così lo chiamano qui), che non credo farò in tempo a provarli tutti. Dalla più famosa palta Hass a quella dedo (piccola e oblunga che sembra un dito, da li il nome) il mercato è una fonte di scoperta quotidiana!

In più la mia cara Paloma ogni tanto mi porta delle delizie dalla selva e mi fa provare cose che nei mercati di Miraflores non portano nemmeno!

Torniamo a noi.

lunedì 24 aprile 2017

Central restaurante

Sottotitolo: Vivere una esperienza culinaria da favola.

Dolce numero 1: Blanco Amazonico


Qualche giorno fa, per festeggiare l'anniversario di matrimonio (il fatto di sopportarmi da vari anni NdR), siamo andati al famoso ristorante Central qui a Lima. La prenotazione era stata fatta a gennaio, per fortuna mandano un reminder senno con la mia memoria non ci saremo mai ricordati.

Piccole note informative: il Central è classificato 5 nella lista dei migliori 50 ristoranti mondiali e il suo chef Virgilio Martinez è stato eletto miglior chef del mondo.
Finita la parte saputella, vi racconto la mia esperienza da mangiatrice onnivora (se mi seguite sui social sapete che non mento!!).
Mi sono pure vestita fighetta per l'occasione, mica scherzo!

martedì 21 marzo 2017

Perchè Abaya and Heels...

... e perchè, forse, sarebbe ora di cambiare nome!



 Tutto iniziò nel 2013 quando venimmo trasferiti per lavoro in Arabia Saudita. Non era il mio primo espatrio, venivo gia da anni in Serbia, Romania, Bulgaria e Parma (hahhaha ok dai io sono sarda, è estero lo stesso no?!). Insomma, non so perchè, ma mi venne in mente di aprire un blog sulla mia vita li, in quel paese strano e cosi diverso dal solito e di cui poco si sapeva.

Geniale idea la mia, aprire un blog in un posto dove tutto è controllato e secondo cosa dici ti vengono a prendere a casa! Non contenta, ci metto nel nome proprio un elemento significativo e rappresentante della mia vita li: l'abaya.

martedì 17 gennaio 2017

Lasciare i figli all'asilo



Sono qui con il telefono in mano, aspetto una chiamata. Sono ansiosa. E se piange? E se piange e non mi chiamano?

Ho appena portato il piccolo al nido e sono qui che non so che fare. Eppure è il secondo, dovrei essere temprata dalla prima esperienza! E invece. Faccio la dura, ridacchio, mando messaggi al papà e ai nonni: tutto ok, è all'asilo! libertà!

Ma libertà cosa ma cosa?!! Che sono li attaccata al telefono manco stessi aspettando una chiamata del Papa (che poi se mi chiama il papa che gli dico, che non mi ricordo manco l'ultima volta che sono andata in chiesa).
Ma ci si abitua al distacco? Evidententemente si visto che la prima è sopravvissuta e io pure. Abituarsi magari no, sempre un pensiero è li con loro, chissà che fa, gli daranno abbastanza da bere? e se il bimbo cannibale lo morde di nuovo? Ma si fa.